Un pò di Noi

26D8693F-8F3E-4ED9-A4C4-6A88B003C6E7.jpeg

PaZo Teatro è un collettivo di artisti poliedrici, incontratisi grazie ad alcune collaborazioni comuni. Provengono da percorsi di formazione differenti ed eterogenei, spaziando dal teatro di prosa al teatro fisico, dalla danza all’acrobatica e al circo. 

PaZo richiama il Greco páthos, emozione, dalla più placida alla più irrazionale, con un evidente rimando sonoro al termine “pazzo”; ma è anche l’acronimo delle tre dimensioni che caratterizzano la nostra ricerca, Parola, AZione e Osservazione, attingendo alle accezioni più ampie e al contempo concrete che esse possano comprendere. 

Dopo aver collaborato in progetti comuni a partire dal 2015, tra i quali l’associazione di promozione sociale Somantica Project, il collettivo decide nel 2018 di costituire un ensamble autonomo e portare avanti una creazione corale. Realizza così lo spettacolo Del tuo esistere incerto e indefinibile attraverso una serie di residenze creative offerte dal Nuovo Teatro San Prospero di Reggio Emilia, dove debutta con un primo studio il 13 aprile 2019. 

Da questo percorso di ricerca nasce anche Cabaret di Fumo, spettacolo da strada, realizzato in forma di studio in Piazza Matteotti a Modena l’11 maggio 2019, replicato al festival sloveno Floating Castle il 27 e 28 agosto 2019 e invitato al XXII Festa do Teatro - Festival Internacional de Teatro de Setúbal, Portogallo (data rimandata causa Covid). 

In settembre 2019 la compagnia vince la call OHM residenze concettuali indetta dal Teatro dei Servi Disobbedienti di Bologna, e in novembre la prima produzione del collettivo si aggiudica il premio Teatro, voce della società giovanile indetto da Crexida, Endas, Teatro dell’Argine e Itc San Lazzaro. 

In marzo 2020 la compagnia comincia una residenza creativa presso il Fienile Fluo’  di Bologna, interrotta dall’emergenza Covid 19 e ripresa a fine giugno 2020, dalla quale nasce un primo studio della nuova produzione  Strade sui Sassi, che debutta all’interno del Festival Scena Natura e replica in numerose rassegne del territorio emiliano e lombardo. 

La nuova creazione della compagnia, il Gran Galà Baraonda, dopo una tappa di residenza al laboratorio Officina delle Ombre del Teatro Gioco Vita, si aggiudica il Premio Emilio Vassalli sezione Produzione e presenta così un’anteprima il 28 maggio 2021, presso la Piccola Scuola di Circo di Milano, in occasione del Festival Circonferenze. Tra le tappe della tournée vede il Carnevale di Venezia 2022 e il Festival Maggio all'Infanzia 2022 di Monopoli.

La compagnia collabora con diverse realtà del territorio Modenese alla realizzazione di rassegne, eventi e attività formative, tra queste l'associazione La Città degli Alberi per la realizzazione del Festival Viver Verde nel parco di Bosco Albergati.

I membri del Collettivo

DSC_2916-Modifica.jpg

AMALIA RUOCCO

E' la fondatrice, regista e coreografa del gruppo. 

Danzatrice, attrice e acrobata, comincia la sua formazione artistica a Napoli, studiando teatro fisico con diversi gruppi indipendenti, danza contemporanea, contact improvvisation e floor work con la compagnia Danza Flux e si diploma in Mimo Corporeo Astratto tecnica Decroux presso l’Icra Project di Michele Monetta. 

Nel 2008 si laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali all’Università Federico Secondo di Napoli con una tesi sulla Compagnia della Fortezza di Armando Punzo. 

Si avvicina successivamente al mondo del circo e dell’acrobatica aerea, diplomandosi nel 2012 alla scuola di teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone e specializzandosi nel 2014 alla scuola di Circo Flic di Torino nella disciplina della corda aerea. Lo stesso anno viene selezionata per la creazione “A Demain” di Anton Lachky, Biennale Danza di Venezia.

Nel 2016 intraprende il percorso di formazione attoriale “Homo Faber”, presso il Teatro dei Venti di Modena, guidato dall’attore-danzatore Mario Barzaghi, grazie al quale si avvicina alle discipline del teatro-danza indiano Katakhali e all’arte marziale del Kalaripayattu. Lo stesso anno viene selezionata la creazione “La Conoscenza della non Conoscenza” di Adriana Borriello, Biennale Danza di Venezia. 

Nel 2017 realizza “Something About Happiness”, performance di danza e circo contemporaneo, in collaborazione con il videoartista Samuele Huynh Hong, vincitore del bando ERT- Emilia Romagna Teatro e Teatro Arena del Sole di Bologna per le residenze presso Villa Pini; che debutta presso la rassegna “Musica in Castello” di Fontevivo (Parma), e replica al Teatro dei Segni (Modena), al Teatro Furio Camillo (Roma) e al Nuovo Teatro San Prospero (Reggio Emilia).

Nello stesso anno, grazie alla borsa di mobilità internazionale MovingUP, collabora alla realizzazione del African Circus Festival (Addis Abeba, Etiopia) ed entra a far parte della Zip Zap Circus Academy come insegnante esterna (Capetown, Soth Africa).

Nel 2019 viene selezionata per partecipare al percorso di formazione “Danzautore Contemporaneo”, sostenuto dalla regione Emilia Romagna in collaborazione con le associazioni Cantieri Danza, Ida e Nervitesi, che le permette di approfondire il suo percorso autoriale di danzatrice. Approfondisce individualmente i suoi studi di danza seguendo stage e corsi in giro per l’Italia e l’Europa, non perdendo mai di vista la dimensione teatrale ed interpretativa.

Nel 2020 è stata selezionata per Passport, Borsa di mobilità internazionale per artisti che lavorano per bambini e giovani spettatori, promossa da Assitej e sostenuta dal MIBACT nell'ambito del progetto Boarding Pass.

Nel 2022 viene selezionata per l'Exchange Lab, un laboratorio di ricerca e condivisione guidato da Nico Ricchini, direttore delle prove della compagnia Akram Khan, all'interno del Krokus Festival (Hasselt, Belgio).

Ha collaborato con: 

Nostos Teatro e l'associazione Morks per "Walking in the story", progetto di teatro danza per le scuole superiori (Caserta, Italia).

El Grito Circus Company per "Empiria", performance di circo contemporaneo (Bari, Italia).

Teatro nel Baule per "Desidera", in tournée in Italia e in India per il Bharat Rang Mahotsav 2017 International Theatre Festival (New Delhi, Kurukshetra, Agartala) e finalista del concorso teatrale Inbox 2018 (Italia).

Corona Events Company per "Lotus Flower", in tour al Taiwan Folklore and Folkgame Festival (Ylan, Taiwan), B-fit in the street Festival (Bucarest, Romania), Bright People (Mosca, Russia), Aspire Park (Doha, Qatar).

Attualmente collabora stabilmente con le compagnie Zaches Teatro (Scandicci, Firenze)Teatro dei Venti (Modena), Artemis Danza (Parma), Parola Bianca (Modena, Cape Town).

DSC_2813-Modifica.jpg

FRANCESCO BOCCHI

Affronta le scene dal 1994, laureandosi successivamente a Bologna in DAMS Teatro con tesi sull’Opera di Pechino, genere performativo classico cinese, e conseguendo infine la laurea magistrale in Discipline dello spettacolo dal vivo con uno studio riguardante la figura dell’evirato cantore nella nascente opera in musica secentesca. 

Alle spalle stage e corsi di formazione eterogenei – danza classica con Maria Armanini; danza educativa con Franca Zagatti; danza storica medioevale, rinascimentale, barocca e ottocentesca con Marco Bendoni, Claudia Celi, Deda Cristina Colonna, Véronique Daniels, Maria Cristina Esposito, Gloria Giordano, Bruna Gondoni, Letizia Dradi, Cecília Grácio Moura, Robin Joly, Patrizia La Rocca, Luca Michelini, Antonio Minelli, Alessandro Pontremoli, Lucio Paolo Testi e Ana Yepes; mimo con Eugenio Ravo; tecnica dei trampoli con Mario Barzaghi; drammaturgia con Giuseppe Liotta; regia con Franco Palmieri e Claudio Longhi; musica con Giacomo Gibertoni – e numerose collaborazioni con poeti, musicisti e artisti figurativi, dal 2003 dirige laboratori teatrali, d’espressività corporea e verbale e di danza antica dedicati a bambini, adolescenti, adulti, anziani e disabili fisici e mentali. 

Come attore, danzatore e trampoliere ha lavorato, in produzioni teatrali e cinematografiche, con:

La Rossignol di Cremona, Teatro della Memoria di Roma e Dramatodìa di Bologna, compagnie di teatro, musica e danza antica;

Corona Events di Pavia, Curious Bubbles di Modena e Nu’Art Events di Verona, agenzie internazionali di produzione e distribuzione di spettacoli evento;

Teatro dei Venti e PaZo Teatro di Modena, compagnie di teatro (di sala e strada), danza e circo.

Tali molteplici attività lo hanno portato a esibirsi sull'intero territorio italiano quanto all’estero (Barhain, Belgio, Croazia, Dubai, Francia, Hong Kong, Grecia, Indonesia, Lettonia, Macao, Maldive, Olanda, Oman, Polonia, Principato di Monaco, Qatar, Romania, Russia, Spagna, Slovenia, Svizzera, Taiwan).

DSC_2804-Modifica.jpg

LAURA BRUNI

Ex ginnasta ritmica a livello agonistico, è danzatrice, acrobata aerea, attrice, trampoliera.

Agli studi per la Laurea in Architettura, conseguita nel 2006, ha sempre affiancato l'attività sportiva, e la sua forte passione per il movimento e il linguaggio del corpo la portano a proseguire ed approfondire lo studio della danza  e del teatro frequentando corsi e partecipando a laboratori coreografici e workshop in tutta Italia. Lavora con insegnanti come Teri Jeanette Weikel ,  Gioia Maria Morisco, Nicoletta Cabassi , Andrè Casaca, Marianna Miozzo, Instabili Vaganti, Teatro dei Venti.

Nel  2010 si avvicina al mondo dell’acrobatica e dell’acrobatica aerea: studia le discipline circensi di trapezio, cerchio e tessuti aerei seguendo laboratori in Italia e all’estero con artisti quali  Paola Li Vecchi, Caterina Bortoletti, Alberto dell'Acqua, Elodie Donaque, Caterina Fort, Gaby Corbo, duo Zamaga, Loretta Morrone e Ilaria Maggiorano; acrobatica e teatro fisico con  Kataklo Dance teather ed Evolution Dance Teather.

La sua costante curiosità la porta a sperimentare la giocoleria (anche infuocata), il palo cinese, la danza vertica e l’acroyoga.

Dal 2015 si specializza nell’uso dei trampoli seguendo un corso con la compagnia Teatro dei Venti di Modena ed entrando poi a far parte del cast dello spettacolo di strada Simurgh, composto da 8 attori trampolieri.

È socia fondatrice della compagnia Somantica Project asd aps, un progetto nato dalla contaminazione performativa tra ginnastica ritmica, danza, teatro e che fonde l'arte e il linguaggio pittorico creando un nuovo modo di espressione del corpo. Gli spettacoli  Hai mai visto un’accampamente?, Sogno dunque Sono e l’ultima produzione About-Jour  sono  stati messi in scena in diversi festival in tutta Italia. Nel 2015 a nome dell’associazione ha realizzato un progetto artistico e sociale in Brasile, a Joaquim Nabuco, all’interno della Casa dos Jovens sostenuta da Modena Terzo Mondo odv, dove ha insegnato danza ed acrobatica aerea a  bambini e ragazzi delle classi sociali più disagiate.

Da Ottobre 2009 collabora con l'associazione teatrale La Fabbrica dei Sogni di  Lorenzo Sentimenti (Bomporto,MO) partecipando a spettacoli per grandi e piccini (L'Enfant et la Lune , Voce di Bosco)  , ai laboratori in ambito scolastico e a  progetti  con persone diversamente abili.

Ha collaborato come performer con il duo di musica celtica Belthane e l’associazione Cantierart.

Attualmente collabora stabilmente come attriice e trampoliera  con le compagnie: Teatro dei Venti (Modena), Corona Events (Montielli Pavese), Parola Bianca (Modena, Cape Town), Curious Bubbles (Modena).

Oltre a essere insegnante di danza aerea, nel 2021 ottiene gli attestati di istruttore in Yoga Educativo e Yoga in Volo.